HACCP: Prodotti per la pulizia

Condividi la sicurezza

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
掃除道具 レイアウト 木目調

All’interno di tutte le attività alimentari è necessario adottare delle procedure per la pulizia degli ambienti e delle attrezzature, tutte le fasi di una corretta pulizia solitamente sono contenute all’interno del Manuale di autocontrollo alimentare o manuale HACCP.

Queste procedure prevedono operazioni di detersione e disinfezione indicando le caratteristiche dei prodotti da utilizzare che devono essere detergenti e disinfettanti idonei per le attività alimentari.

PROTOCOLLO DI SANIFICAZIONE DEI LOCALI

Le operazioni di detersione e disinfezione vanno eseguite separatamente.
Le operazioni di pulizia devono iniziare subito dopo la fine delle lavorazioni per evitare l’essiccamento di residui sulle superfici:

  1. asportazione meccanica dei residui più grossolani
  2. detersione
  3. primo risciacquo con acqua calda per eliminare i residui più solubili
  4. disinfezione
  5. secondo risciacquo con acqua

Quali prodotti?

Per essere conformi alla normativa HACCP, i detergenti devono essere stati dichiarati adatti all’utilizza dal Ministero della Sanità.

Quindi per essere sicuri di acquistare prodotti per la pulizia idonei dobbiamo controllarne l’etichetta che deve riportare:

  • il codice numerico che ne garantisce la registrazione presso il Ministero della Sanità,
  • la dicitura “presidio medico chirurgico” il termine “disinfettante”,
  • deve esserne specificato la destinazione di utilizzo per l’industria alimentare.

Fattori che influenzano l’efficacia di un intervento disinfettante

– tipo e concentrazione del germicida.
– numero e tipo dei microrganismi.
– durata dell’esposizione e temperatura della soluzione.
– pH della soluzione.
– natura della superficie e presenza di sporco.

Si ricorda inoltre che:
• la diluizione va fatta secondo le istruzioni del produttore;
• il disinfettante va fatto agire per il tempo di contatto necessario;
• si consiglia di alternare ogni 6 mesi il tipo di disinfettante, evita la selezione di batteri resistenti;
• dopo l’applicazione del disinfettante occorre asportarne i residui con un risciacquo finale;
• se la ventilazione, la temperatura e le caratteristiche dei materiali non permettono una rapida asciugatura spontanea, occorre procedere all’asciugatura delle superfici stesse per evitare la moltiplicazione batterica favorita dall’ambiente umido;
• prima di iniziare le operazioni è necessario rimuovere dai locali le sostanze alimentari e/o prodotti presenti;
• l’utilizzo di getti d’acqua a forte pressione (macchina idropulitrice) per la pulizia di pozzetti e canalette di scarico, porta alla formazione di una sospensione in aerosol contenente microrganismi anche patogeni (es. Listeria spp.) che può ricadere sulle superfici di lavoro anche dopo alcune ore;
• l’etichetta deve essere controllata scrupolosamente, verificando in particolare che siano riportate le seguenti diciture:
– Disinfettante, Presidio Medico Chirurgico
– N° di registrazione al Ministero della Sanità
– dicitura “da usarsi nell’industria alimentare“
– dosi e tempi di utilizzo
– composizione, produttore, lotto e data di produzione
– avvertenze sulla sicurezza per l’uso

Come verificare la corretta sanificazione

Il controllo dell’efficacia delle pratiche di pulizia delle superfici e delle attrezzature utilizzate nella produzione riveste un ruolo fondamentale nella prevenzione delle malattie trasmesse da alimenti.

Riguardo a questi aspetti DELTACONTROL esegue analisi di tamponi ambientali nelle zone di produzione e manipolazione degli alimenti, effettuati su superfici e attrezzature, per la valutazione della contaminazione residua dopo la loro sanificazione.

Contattaci se vuoi verificare le corrette procedure di sanificazione!

Voglio essere contattato

Lascia la tua email, ti ricontatteremo il prima possibile.

Richiedi informazioni

Condividi la sicurezza

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Vuoi sapere se sei in regola con l'HACCP?​